Prestiti online 24 per personale Ata e docenti: caratteristiche dei prodotti, spiegazione, le soluzioni migliori del 2022

Indice dei contenuti

Se siete insegnanti, di scuole pubbliche di qualsiasi ordine e grado, oppure semplici dipendenti, per voi sono stati studiati dei particolari prestiti online 24 per personale Ata e docenti, che vi offrono numerosi vantaggi e agevolazioni. I prodotti finanziari che potete scegliere sono diversi e li approfondiremo in questa guida, dandovi anche le informazioni necessarie per richiederli e i consigli per ottenerli in modo semplice e veloce.

Cosa sono i prestiti online 24 per personale Ata e docenti

I prestiti online 24 per personale Ata e docenti sono delle soluzioni di finanziamento studiate appositamente per offrire liquidità agli insegnanti di scuole elementari, medie e superiori, ai docenti universitari e ai dipendenti scolastici.

Se avete intrapreso una carriera scolastica o se lavorate all’interno di questi istituti, quindi, potete accedere a questi prestiti, ottenendo un capitale e restituendolo in comode rate mensili.

Per quanto riguarda l’importo massimo erogabile e il piano di ammortamento, questi dipendono molto dalla vostra situazione reddituale e dalla posizione creditizia. Il prestito, quindi, verrà personalizzato di volta in volta in base alla diversa situazione, in modo da soddisfare tutte le vostre esigenze.

Potete richiedere un prestito per personale Ata e docenti direttamente al vostro istituto di previdenza sociale, ovvero l’Inpdap, che ha delle convenzioni con banche e finanziarie, oppure rivolgendovi direttamente a una di queste ultime, che mantengono rapporti con l’Inpdap e che gestiranno la vostra pratica in collaborazione tra di essi.

Caratteristiche dei prestiti per personale Ata e docenti

Questa forma di credito rilasciata ai dipendenti pubblici delle scuole è particolarmente agevolata. I prodotti finanziari maggiormente utilizzati per venire incontro alle vostre esigenze sono:

  • La cessione del quinto dello stipendio o della pensione
  • La delega di pagamento
  • Il mutuo ipotecario

Prima di scegliere uno di questi prodotti, è bene che conosciate le loro caratteristiche, in modo da capire quale sia il più adatto a voi.

Per cosa possono essere utilizzati

I prestiti che otterrete potranno essere utilizzati per fare fronte a qualsiasi tipo di spesa imprevista o programmata, come l’acquisto di una casa o di un mezzo di trasporto, l’esecuzione di lavori di restauro o ristrutturazione di un immobile di proprietà, il pagamento di spese mediche improvvise o di viaggi, solo per fare degli esempi.

La somma richiesta non deve essere motivata per cui parliamo di prestiti personali non finalizzati.

Requisiti necessari

Come abbiamo visto, il primo requisito da possedere è quello di essere dipendenti pubblici impiegati nel settore scolastico. Potete ottenere quindi un prestito per personale Ata e docenti se siete stati assunti mediante concorso pubblico e avete una cattedra di ruolo o se siete dipendenti Ata. Altri requisiti necessari per ottenere il finanziamento sono:

  • Avere accantonato un TFR valido. Alla richiesta del prestito, quindi, dovranno essere passati almeno quattro anni dalla vostra assunzione, ma i limiti cambiano in base alla cifra che richiedete e all’istituto di credito a cui vi state affidando
  • Avere un contratto a tempo indeterminato o anche determinato, purché la scadenza quest’ultimo sia almeno 36 mesi successiva a quella della stipula del contratto di finanziamento

Per ottenere i prestiti Inpdap, dovrete essere iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Sociali e Creditizie.

Le garanzie richieste

Queste particolari forme di finanziamento dedicate alla vostra categoria vengono anche chiamate prestiti garantiti in quanto si tratta solitamente di semplici cessioni del quinto dello stipendio o della pensione, che non richiedono la presentazione di garanzie come ad esempio una fideiussione o l’ipoteca su un immobile, solo per fare degli esempi. In questi casi, infatti, a farvi da garante sono il vostro stesso datore di lavoro (lo Stato) o l’ente di previdenza sociale.

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione

Abbiamo nominato più volte questa particolare tipologia di prestito ed è giunto il momento di approfondirla.

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è una particolare forma di finanziamento dedicata ai dipendenti pubblici e privati con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Questo prestito vi consente di ottenere finanziamenti a condizioni particolarmente agevolate e con tassi di interesse favorevoli. Non sarete voi a pagare le rate mensili del prestito ma il vostro datore di lavoro che, ogni mese, le tratterrà dalla vostra busta paga per saldare il creditore. Nel caso in cui siate dei pensionati, sarà detratta dalla vostra pensione.

Ogni rata del prestito non potrà superare di un quinto il vostro stipendio mensile o la vostra pensione, al netto. Le uniche garanzie che dovrete quindi presentare, sono una busta paga e un TFR maturato al momento della richiesta.

Cessione del quinto e finalità

Se scegliete la cessione del quinto, non avrete bisogno di motivare come spenderete la somma ottenuta in prestito, anche se è possibile sottoscrivere una cessione che funziona quasi come il credito al consumo e le somme erogate serviranno per sostenere particolari tipologie di investimento, come ad esempio l’acquisto di un immobile, di un’automobile, ecc. In questo modo, potrete affrontare delle spese importanti senza andare a pagare degli interessi troppo alti come nel caso di altre tipologie di prestiti personali.

Andando nel particolare, potrete accedere alla cessione del quinto per personale Ata e docenti per:

  • Acquistare un immobile o un’automobile
  • Ristrutturare casa o modificarla a livello energetico
  • Affrontare spese mediche o estetiche
  • Finanziare i figli nella loro formazione scolastica
  • Viaggiare o andare in vacanza

Una volta accettata la richiesta per la cessione del quinto, la somma verrà erogata sul vostro conto corrente in un’unica soluzione e inizierete a pagare le rate dal mese successivo alla data dell’accredito.

Cessione del quinto o delega di pagamento?

La delega di pagamento è molto simile alla cessione del quinto e per la richiesta è necessario avere gli stessi requisiti, ma se ne differenzia per tre aspetti fondamentali:

  1. Rispetto alla cessione del quinto, la delega di pagamento prevede che la rata possa essere pari a due quinti dello stipendio. È quindi la soluzione più adatta a voi se la cifra che richiedete è consistente.
  2. La cessione del quinto non può mai essere rifiutata dal vostro datore di lavoro, che deve accettare di farvi da garante. Nella delega di pagamento, delegherete, appunto, il vostro datore di lavoro, il quale in questo caso può accettare o meno di garantire per voi il prestito e quindi di trattenere mensilmente le rate dalla vostra busta paga per saldare il debito.
  3. La cessione del quinto può essere richiesta sia dai dipendenti in servizio e sia da pensionati del settore scolastico. La delega di pagamento è una tipologia di finanziamento consentita solo ai dipendenti in servizio e non ai pensionati.

A chi richiederli

Come abbiamo già detto, potrete chiedere una cessione del quinto dello stipendio, una delega di pagamento, un mutuo ipotecario o altre forme di finanziamento direttamente all’Inpdap, alla vostra o ad altre banche, oppure a delle finanziarie online.

Sul web, inoltre, trovate dei comodi calcolatori di prestito, che vi aiuteranno a calcolare l’importo della somma ottenibile e la rata mensile comprensiva di interessi e spese varie, inserendo solo alcun dati essenziali. In questo modo, otterrete le proposte di diversi istituti bancari e finanziarie, in modo che possiate scegliere la soluzione più adatta alle vostre esigenze e più conveniente.

Se poi sceglierete di affidarvi ad una finanziaria online, avrete modo di risparmiare sui costi di attivazione e di avere facilitata tutta procedura di richiesta del prestito e invio della documentazione. La digitalizzazione, infatti, permette alle finanziarie che operano sul web di avere procedure molto più snelle e veloci rispetto a quelle delle filiali.

Se volete approfondire gli argomenti sulla cessione del quinto dello stipendio o della pensione, sulla delega di pagamento e sui mutui ipotecari, potete consultare le nu erose guide presenti all’interno di questo stesso sito.