Prestiti online 24 a protestati: consigli, guida, tipologia di finanziamento

208

Indice dei contenuti

I prestiti, come praticamente tutti noi sappiamo, sono dei veri e propri prodotti che rientrano nella categoria dei prodotti finanziari. Essi possono essere richiesti sia da persone fisiche che dalle aziende, sia che esse siano di piccole, medie o grandi dimensioni.

I prestiti rappresentano un importante tassello della vita della maggior parte di noi. Anche perché diciamocelo, chi non ha ancora chiesto un prestito ha pensato almeno una volta di chiederlo o ha intenzione di farlo in futuro.

I prestiti sono fondamentali perché, oltre a favorire lo sviluppo del nostro tessuto economico, ci permettono di finanziare e realizzare dei piccoli o dei grandi progetti. Insomma, prima o poi ognuno di noi avrà a che fare con un prestito.

Tuttavia, ci sono delle persone che, nello specifico, hanno già avuto delle esperienze pregresse con i prestiti. Senza anticiparvi troppo, l’articolo di oggi avrà proprio loro come protagonisti: i protestati. Nei prossimi paragrafi vedremo chi sono i protestati, ma capiremo anche se possono ottenere un finanziamento.

Successivamente, prima di tirare le somme e di fare una sintesi di quanto ci diremo, cercheremo anche di capire insieme quali sono le tipologie di finanziamento a cui possono accedere i protestati.

Chi sono i protestati?

Come ho accennato poco fa, quest’articolo è dedicato ai protestati. Cioè, è indirizzato a tutte quelle persone che hanno già avuto un’esperienza, purtroppo negativa, con i prestiti. Prima di entrare nel vivo dell’argomento però, mi sembra opportuno spiegare chi sono i protestati.

I protestati sono tutti quegli individui che sono iscritti al registro dei protesti, e che quindi non sono stati in grado di pagare un precedente debito. Sostanzialmente, i protestati sono i cattivi pagatori.

Spesso però, le persone protestate neanche sanno di esserlo. Infatti, a volte succede che, terminata la restituzione di un prestito, si vada a chiederne un altro che però non ci viene concesso. Per sapere se si è protestati bisognerà seguire un preciso procedimento che ci porterà a consultare il registro informatico dei protesti.

Lì poi, andrà richiesta la visura dei protesti, e solo allora si potrà sapere se si è protestati oppure no. Tuttavia, un protesto non ha una durata illimitata. Possiamo dire infatti che i protesto, trascorsi 5 anni, decade automaticamente, senza che quindi ci sia alcun tipo di intervento nel registro dei protesti di cui abbiamo parlato poco fa.

I protestati possono ottenere un finanziamento?

Purtroppo, agli istituti di credito e alle banche non interessano granché i motivi per cui voi siate stati protestati. A loro basta sapere che in passato, qualcuno vi ha etichettato come dei cattivi pagatori. Questo basta perché il prestito che state chiedendo non venga erogato.

Dunque, agli occhi delle banche e degli istituti di credito sarete posti in una situazione in cui non meritate la loro fiducia. Perciò, è molto difficile che i diversi enti decidano di concedere un prestito ad una persona protestata.

Le rare volte in cui questo succede, le cifre a cui possono accedere i protestati sono davvero bassissime. Comunque, per rispondere alla domanda che ci siamo posti all’inizio di questo paragrafo bisogna considerare anche delle altre variabili.

E’ vero che la banca considera e prende per vero ciò che è riportato nel registro dei protesti, ma è vero anche che a volte questo non basta per far sì che il credito non vi venga concesso. Infatti, a prescindere dal fatto che voi siate protestati, gli enti faranno tutta una serie di ricerche e di valutazioni sul vostro conto.

Se le garanzie che offrirete loro saranno abbastanza affidabili e abbastanza importanti, è possibile che il vostro protesto venga in qualche modo “compensato”. Dunque, se siete protestati non è necessariamente detto che il credito non vi verrà erogato a priori.

Tipologie di finanziamento

Come abbiamo visto poco fa, è difficile che le banche scelgano di finanziarvi anche se siete protestati. Questo perché il protesto è una condizione grave, in cui cioè la persona è risultata come insolvente diverse volte. Tuttavia, ci sono delle tipologie di finanziamenti che gli istituti di credito e le banche saranno più propensi a concedervi.

Diciamo che i prestiti in questione sono principalmente di quattro tipologie differenti. Per cercare di riassumerle e di spiegarle nella maniera più esaustiva, vi lascio un breve elenco.

  • Prestito tra privati. Il prestito tra privati, come suggerisce il nome, è un prestito che viene concesso non da una banca o da un istituto, ma appunto da un privato.
  • Il prestito tra azienda e lavoratori. Le aziende, in certi casi, possono dare degli anticipi ai propri dipendenti. Quindi, qualora doveste averne bisogno potreste chiedere al vostro superiore o al vostro datore di lavoro.
  • Prestito cambializzato. Si tratta di una tipologia di finanziamento in cui per l’appunto, vengono utilizzate le cambiali.
  • Prestito con delega, o “doppio quinto”. Si tratta di un prestito riservato ai lavoratori dipendenti (per lo più quelli a tempo indeterminato), che riescono a ricevere un prestito appoggiandosi all’azienda per la quale lavorano.

Conclusioni

Siamo ormai giunti al punto in cui bisogna un po’ ricapitolare e cercare di riassumere ciò che si è detto in precedenza. Questo articolo dedicato ai protestati e ai cattivi pagatori aveva un po’ l’intenzione di essere una guida per chi comunque desidera ricevere un prestito.

Beh, nel corso di questo articolo abbiamo visto che pur essendo protestati non è impossibile che la nostra richiesta venga accettata. Chiaramente, le possibilità che ci vengono concesse sono nettamente inferiori rispetto a quelle date ad un non protestato, però almeno qualcuna c’è.

Abbiamo visto anche delle diverse alternative, che rappresentano un primo punto d’appoggio su cui far riferimento. Tra le diverse possibilità c’è anche quella di lasciar passare i cinque anni previsti per la rimozione automatica del protesto. Qualora optaste per questa alternativa infatti, potreste poi richiedere un prestito come se non foste mai stati protestati.

Dunque beh, considerate anche le altre alternative elencate nel paragrafo precedente, perché è vero che avete meno possibilità, ma non significa che queste siano nulle. Arrivati a questo punto non mi resta che augurarvi il meglio per la richiesta del vostro prestito! In bocca al lupo.