Prestiti online 24 per aziende: le soluzioni più vantaggiose, tipologia di finanziamento, caratteristiche

1214

Indice dei contenuti

Se avete un’azienda, una piccola o media impresa, e avete bisogno di liquidità che vi permetta di fare degli investimenti destinati alla crescita della loro competitività, potete fare affidamento sui prestiti online 24 per aziende. Esistono infatti diverse soluzioni di finanziamento che vi permettono di disporre di liquidità in modo veloce per investirla poi in tecnologia, in progetti di ricerca, oppure per acquistare materiali e macchinari o, ancora, per ristrutturare edifici e locali dedicati allo svolgimento della vostra attività. Per richiedere questi finanziamenti dovrete possedere dei requisiti e seguire un iter ben preciso per la richiesta del prestito, che vi chiariremo andando avanti con la lettura di questa guida.

Chi può richiedere i prestiti online 24 per aziende

Potete richiedere i prestiti online 24 per aziende sia se state pensando di mettervi in proprio e quindi aprire una vostra attività, sia se avete bisogno di investire su una vostra azienda già esistente. Come abbiamo detto in apertura di questa guida, avete a disposizione diverse soluzioni di finanziamento, che vi permetteranno di accedere a prestiti a fondo perduto o a microcrediti.

Per i prestiti online 24 per aziende, interviene il Fondo di Garanzia per le PMI e per tale motivo tali finanziamenti si definiscono “garantiti”.

Prestiti a breve e a lungo termine

I prestiti per le aziende si suddividono in due categorie principali, ovvero:

  • I prestiti a breve termine, che vi consentiranno di fronteggiare delle spese impreviste e di bassa entità. Vi saranno quindi utili se avrete delle esigenze temporanee di liquidità
  • I prestiti a lungo termine, che invece potrete richiedere se avete bisogno di importi più elevati e quindi destinati a importanti progetti di investimento, che prevedono durata e piani di ammortamento maggiori.

Prestiti per aziende appena costituite: è possibile richiederli?

Se avete da poco costituito un’azienda e avete bisogno di liquidità da accantonare per far fronte a delle spese impreviste e quindi per tutelarvi dal rischio di indebitamento, potete accedere a delle soluzioni di finanziamento studiate appositamente per i giovani imprenditori.

Come funzionano i prestiti per le startup

Se siete dei giovani imprenditori e avete in progetto l’avvio di una startup, è molto probabile che vi troviate ad avere bisogno di capitale che possa aiutarvi a sostenere le spese iniziali. I prestiti online 24 per aziende a voi dedicati sono degli incentivi economici riservati proprio per l’avvio di nuove attività. Questi prestiti vengono erogati da enti pubblici o da istituti di credito, e per richiederli dovrete possedere alcuni requisiti ed essere in grado di offrire delle garanzie personali o reali su beni mobili o immobili.

I finanziamenti per le startup sono spesso a fondo perduto o vi offrono delle particolari agevolazioni.

Come richiederli

Sia che partecipiate a un bando pubblico per l’erogazione di finanziamenti a PMI e sia che vi rivolgiate a una banca o a un istituto di credito, la richiesta per il prestito deve essere inoltrata presentando un’adeguata documentazione, che prevede:

  • Un business plan, ovvero un piano di lavoro che spieghi dettagliatamente come verrà impiegata la somma chiesta in prestito
  • I preventivi rilasciati dalle ditte a cui si farà affidamento per l’acquisto dei beni e dei servizi utili alla propria azienda

Tutte le informazioni utili all’ente erogatore per avere un quadro completo della vostra attività imprenditoriale.

Tipologie di prestiti online per aziende

Oltre ai prestiti per le startup, esistono altre tipologie di prestiti per aziende, che andremo ad analizzare di seguito:

Prestiti per le attività commerciali

Se avete un’età inferiore ai 35 anni o se siete donne, molte banche e istituti di credito vi offrono delle soluzioni di finanziamento agevolato. Questi finanziamenti mirano ad incentivare la creazione di startup e di migliorare la situazione economica delle zone in cui verrà avviata l’impresa. Visto che, solitamente, chi avvia una startup non può offrire delle solide garanzie, banche e istituti di credito non concedono delle cifre molto elevate, ma comunque sono dei finanziamenti molto utili per chi deve avviare una società. Per presentare una richiesta di finanziamento, è necessario allegare un progetto imprenditoriale comprensivo di business plan.

I bandi e i prestiti sono vari e potete sceglierli in base alla vostra età e alle vostre esigenze. In particolare, si parla di:

Prestito d’onore

È un tipo di finanziamento che potete richiedere se siete giovani laureati disoccupati e avete deciso di diventare imprenditori. Una parte di questo prestito viene erogato a fondo perduto, mentre la restante parte dovrete restituirla a rate, ma con tassi di interesse molto agevolati.

Finanziamenti bancari

Anche le banche e gli istituti di credito hanno creato molti prodotti finanziari dedicati a chi vuole aprire un’attività commerciale. Tra questi, ci sono i finanziamenti a tasso zero dedicati ai giovani under 35, molto facili da ottenere e che vi permetteranno di avviare la vostra attività potendo contare su un capitale iniziale.

Prestiti online per aziende

Tra i finanziamenti bancari ci sono quelli erogati da banche e istituti di credito online, che si caratterizzano per essere più convenienti rispetto a quelli richiesti nelle filiali. Le aziende che operano online, infatti, hanno delle procedure di presentazione delle richieste e delle modalità di erogazione diverse da quelle delle filiali, per cui riescono a farvi risparmiare sui costi di attivazione (che in questo caso si azzerano) e su altre voci di spesa.

L’importanza di un business plan e come realizzarlo

Da quanto detto avrete capito che, una delle cose a cui gli enti erogatori danno più importanza per il rilascio del prestito per le aziende, è il business plan, ovvero il progetto imprenditoriale che permetterà di valutare se la somma richiesta sarà davvero utilizzata per avviare o aiutare l’impresa, se consentirà di creare nuovi posti di lavoro e migliorare la situazione economica del luogo in cui è collocata.

Perché un business plan sia approvato, deve essere dettagliato e deve mirare a raggiungere degli obiettivi a lungo termine. Redigerlo nel modo corretto, quindi, è il primo passo per sperare di poter ottenere un finanziamento.

Solitamente, un business plan è composto dalle seguenti voci:

  • Indice
  • Descrizione del progetto
  • Presentazione dell’impresa
  • Know-how aziendale
  • Analisi di mercato
  • Piano economico finanziario
  • Motivazione

Oltre ad essere estremamente chiaro e contenere tutte queste informazioni, un business plan deve essere anche accattivante e catturare l’attenzione dei finanziatori. In particolare, è molto importante la descrizione del progetto, in cui dovrete spiegare tutti i punti di forza e di debolezza della vostra idea imprenditoriale, sottolineando il grado di innovazione che apporterà e tutte le sue caratteristiche e potenzialità.

L’analisi di mercato andrà invece ad analizzare il contesto economico sul quale andrete ad operare, in modo da evidenziare opportunità e fattori di rischio per l’azienda.

La maggiore importanza viene data poi al piano economico-finanziario, in cui andrete a quantificare ciò di cui avete bisogno per raggiungere il vostro obiettivo imprenditoriale. Il piano dovrà comprendere le previsioni dei profitti e delle perdite dei successivi 12 mesi dall’inizio della sua operatività e tutta una serie di informazioni che permetteranno ai finanziatori di comprendere se le prospettive aziendali sono credibili o meno, al fine di decidere se possono rilasciarvi il prestito o meno.

La parte motivazionale, invece, serve a descrivere le vostre scelte aziendali, i principi, i valori e quindi si definisce la parte più emozionale del progetto. Anche la motivazione, quindi, è presa molto in considerazione per decidere se finanziare o meno il vostro progetto

In conclusione, un corretto business plan non è quello che si dilunga troppo. I finanziatori non valutano la capacità di scrittura, ma la correttezza dei dati inseriti e la solidità dell’idea imprenditoriale. Quindi, prima di presentare una richiesta per un prestito online 24 per aziende, concentratevi su quello che decreterà una risposta positiva o negativa: il business plan, appunto.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO: Offerta non relativa alle eventuali finanziarie e/o banche citate nell'articolo ma trattasi di affiliazione pubblicitaria